Galleria Fotografica

Conferenza di Lancio del Progetto Hologramme


Forum Internazionale  Hologramme – Hotel El Mouradi Gammarth 

Tunisi 27-28 maggio 2016. Il progetto Hologramme si è concluso con la realizzazione del Forum Internazionale sulle nuove tecnologie organizzato a Tunisi il 27 maggio 2016 dai partner AMVPPC e Association Tourath. I partner italiani hanno partecipato con i loro esperti agli eventi organizzati a Tunisi. Il 28 maggio si è tenuta la riunione di chiusura del Progetto. 

 28 maggio 2016 – Hotel El Mouradi Gammarth – Chiusura del Progetto Hologramme


Hologramme al CiciFilmFestival 2014

Castellammare del Golfo, 31 agosto – 7 settembre 2014. Il progetto Hologramme è stato promosso attraverso la proiezione di uno spot pubblicitario realizzato dall’Associazione CICI durante le 8 serate della manifestazione Cici Film Festival

C4_CFF2014_foto7 C4_CFF2014_foto9 C4_CFF2014_foto4


Formazione Giovani Manager Sicilia

Calatafimi, Salemi dicembre 2014/febbraio 2015. 10 giovani siciliani hanno partecipato alle sessioni formative del corso di Formazione “Manager Esperti nella gestione integrata dei siti archeologici” organizzato dal Partner Salemi e coordinate dal Capofila Comune di Calatafimi. Le lezioni si sono svolte a Salemi e a Calatafimi. Nel giugno del 2015, i giovani manager hanno partecipato ad una visita scambio in Tunisia. Per ulteriori dettagli, consultare la pagina Attività.

IMG_0577 IMG_0576 IMG_0575 IMG_0569 IMG_0568 IMG_0566


Visita Studio Giovani Manager siciliani in Tunisia

Giugno 2015. Il gruppo Formazione dei giovani manager siciliani insieme alla delegazione dei Partner italiani hanno effettuato un visita studio in Tunisia, dal 22 al 25 giugno 2015. L’occasione è servita per uno scambio culturale con i manager tunisini, per conoscere i luoghi del progetto Hologramme e per approfondire le tematiche su cui hanno lavorato entrambi i gruppi di studenti al fine di condividere metodologie e  buone pratiche. Agli studenti tunisini è stato consegnato l’attestato di partecipazione al corso di Formazione “Manager esperti nella gestione integrata dei siti archeologici”.

Photo 180 IMG_3522 IMG_3467 IMG_3463 IMG_3372 Photo 002 Photo 171


Formazione Giovani Manager Tunisia

Aprile/Maggio 2015. L’Associazione Tourath insieme all’Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et Promotion Culturelle hanno organizzato a Tunisi il corso di formazione “Manager Esperti nella gestione integrata dei siti archeologici”. 10 giovani manager con un percorso formativo orientato alla valorizzazione e conservazione dei beni monumentali, hanno partecipato alle sessioni formative organizzate dai partner tunisini. Nel settembre del 2015, i giovani manager tunisini hanno partecipato ad una visita scambio in Sicilia. Per ulteriori dettagli, consultare la pagina Attività.

IMG_2077 IMG_2086 IMG_2048 IMG_2278 IMG_2398 IMG_2679 IMG_2212 IMG_2082


Visita Studio Giovani Manager tunisini in Sicilia

Settembre 2015. I giovani manager tunisini del corso di formazione insieme alla delegazione dei partner AMVPPC e Association Tourath hanno partecipato ad una visita studio in Sicilia dal 22 al 25 settembre 2015. L’occasione è servita per uno scambio culturale con i manager siciliani, per conoscere i luoghi del progetto Hologramme e per approfondire le tematiche su cui hanno lavorato entrambi i gruppi di studenti al fine di condividere metodologie e  buone pratiche. Agli studenti siciliani è stato consegnato l’attestato di partecipazione al corso di Formazione “Manager esperti nella gestione integrata dei siti archeologici”.

IMG_9838 IMG_0037 IMG_9841 IMG_9871 IMG_0581 IMG_9901 IMG_9855


 Atelier tematico a Salemi

Salemi, 18 febbraio 2015Si è svolto a Salemi il primo Atelier tematico dal titolo “L’innovazione nella valorizzazione come ponte tra le due rive del Mediterraneo”. Il partenariato italo tunisino del progetto Hologramme ha presentato i rimi risultati di progetto, e sono intervenuti: il Console della Tunisia a Palermo, Arch. Paola Misuraca e la Dott.ssa Rossella Giglio, il Prof. Sebastiano Tusa, l’Assessore regionale ai Beni Culturali Antonino Purpura. 

IMG_1205 IMG_1207 IMG_1214 IMG_1257 IMG_1241 IMG_1289


 Evento a Segesta

31 luglio 2015, Segesta. L’associazione CICI ha organizzato un’azione di visibilità del Progetto Hologramme, il 31 luglio a Segesta. Nella suggestiva cornice del Tempio di Segesta, l’Evento ha previsto un talk sulla valorizzazione dei siti archeologici traverso il cinema e la proiezione del film “Leaves of the Tree” di Ante Novakovic, interamente girato tra seghetta e Castellammare del Golfo. Oltre 600 le persone intervenute. 


Forum sulle Nuove Tecnologie

Calatafimi, 25 settembre 2015. L’evento è stato organizzato dal Capofila di progetto insieme ai partner italiani. sono stati presentati i primi risultati di progetto e i lavori svolti dai partner sull’applicazione delle nuove tecnologie ai beni e siti archeologici: “Teatri del Mediterraneo” rendering 3D sul Teatro di Segesta e di Cartagine, i Palinsesti Temporali, ricostruzioni del Tempio di Segesta e dell’Anfiteatro di Cartagine, la Carta interattiva per orientarsi a Cartagine e nel mondo cartaginese, il portale delle Destinazioni, per creare percorsi interattiviti alla scoperta dei beni archeologici del Mediterraneo. 


 Teatri del Mediterraneo (Segesta e Cartagine)

L’Associazione CICI ha realizzato nell’ambito del Progetto Hologramme un “Sistema informativo Territoriale” sui teatri di Segesta e di Cartagine. Si tratta di un’applicazione che, attraverso la ricostruzione tridimensionale dei due teatri, da la possibilità all’utente di visitare i teatri da più punti di vista e di consultare notizie e approfondimenti storici. Il viaggio virtuale attraverso i due teatri può essere realizzato sia oggi che nel passato. L’applicazione, realizzata da GISLAB di Palermo con il coordinamento del Prof. Andrea Scianna, è stata completata nel novembre del 2015 ed è pubblicata sul portale Hologramme. Visita i teatri in 3D

4 5 7 12 13 11


Palinsesti Temporali (Tempio di Segesta e Anfiteatro di Cartagine) 

Il Comune di Calatafimi, Capofila di progetto, ha realizzato due Palinsesti Temporali. Si tratta di un’applicazione che permette la navigazione tridimensionale da diversi punti di vista del Tempio di Segesta e dell’Anfiteatro di Cartagine. L’utente ha anche la possibilità di approfondire la conoscenza dei due edifici, grazie a schede tecniche ed illustrative che integrano informazioni attuali e ricostruzioni antiche. In sintesi, un viaggio virtuale tra due importanti beni archeologici italo-tunisini, scoprendo com’erano e come sono oggi. Visita Virtuale

Screenshot 2016-02-10 08.13.50 Screenshot 2016-02-10 08.14.20 Screenshot 2016-02-10 08.22.41 Screenshot 2016-02-10 08.23.58 Screenshot 2016-02-10 08.24.30 Screenshot 2016-02-10 08.24.48 Screenshot 2016-02-10 08.25.18 Screenshot 2016-02-10 08.25.44


Rassegna Stampa Hologramme

Numerosi media si sono occupati del Progetto Hologramme nel corso delle attività realizzate. Nella maggior parte dei casi si tratta di articoli giornalistici promossi da varie testate web e giornali online. Consulta la Rassegna Stampa. 


 Sito archeologico di Cartagine

Conosciuta come potenza marittima, commerciale e militare Cartagine era il fiore all’occhiello della Tunisia. Minacciata dalla sua influenza, ha attaccato i Romani nel 256 a.C.. Dopo tre guerre puniche, Cartagine ha ceduto ai Romani che l’hanno distrutta completamente nel 146 a.C. Oggi i resti testimoniano la grandezza e la magnificenza di questa città. La Tunisia ha investito molto per salvaguardare e promuovere le bellezze archeologiche di Cartagine. E’ stato creato infatti il Parco nazionale Archeologico. Cartagine è inserita nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco. da vedere: le Cisterne della Malga, l’Anfiteatro, il Teatro, le Terme di Antonino, la Basilica cristiana Damous El Karita e il quartiere de l’Odeo. 


 Sito Archeologico Segesta

 Il sito archeologico di Segesta sorge sul Monte Barbaro. Dell’antica città degli Elimi, si possono ammirare oggi: il Tempio, il Teatro, l’area fortificata medievale e il Castello, la Moschea, la Terrazza superiore dell’Agorà e la Porta di Valle.
 Consulta la carta geografica – Visita Virtuale del Tempio di Segesta


Sito archeologico di Salemi

Da oltre un decennio Salemi è oggetto di un’intensa attività di ricerca archeologica. Numerosi sono i siti fin’ora esplorati: Centro storico, Pitrazzi, Mokarta, San Miceli e Monte Polizo. Il sito archeologico di Mokarta, a S-O del centro urbano di Salemi, rappresenta una delle più importanti testimonianze di epoca preistorica in Sicilia. Si tratta di un villaggio, ubicato sulla sommità della Collina di Mokarta, risalente alla Tarda Età del Bronzo (XIII-X sec. a.C.).  A pochi chilometri dal centro urbano di Salemi si trovano i resti della Basilica Paleocristiana di San Miceli, rinvenuta da Antonino Salinas alla fine nel 1893. Si tratta di un edificio religioso con pavimentazione a mosaico e circondata all’esterno da una necropoli con tombe a fossa ricavate nel tenero banco di roccia, da cui provengono ricchi corredi funerari. All’interno dell’edificio sono stati portati alla luce tre livelli di pavimentazione a mosaico databili ad un periodo compreso fra il IV ed il VI sec d. C.


 Sito archeologico di Sousse


Museo del Bardo

Il Museo nazionale del Bardo (in arabo: الوطني بباردو), situato a Il Bardo nella periferia occidentale di Tunisi è un museo archeologico che contiene, fra le altre, la più ricca collezione di mosaici romani del mondo, tutti in perfetto stato di conservazione. Situato nella fastosa residenza del bey del XIX secolo, circondata da un grande giardino ricco di essenze locali, si sviluppa su tre piani ed è caratterizzato da una particolare luminosità naturale che esalta i reperti esposti. Si tratta del più importante museo tunisino e allo stesso tempo del più antico museo del mondo arabo e dell’Africa. È stato inaugurato il 7 maggio 1888. La collezione più importante del museo è costituita da un’enorme quantità di mosaici romani del II-IV secolo, tutti di eccezionale fattura e conservazione, che di fatto sono il simbolo del museo stesso. Oltre alle migliaia di metri quadrati di mosaici vi sono opere scultoree di particolare bellezza, reperti punici e le sale arabo-islamiche, altrettanto importanti sotto l’aspetto storico.