Forum Mediterraneo

PROGETTO HOLOGRAMME: innovazione tecnologica e sviluppo turistico prende il via il primo Forum Mediterraneo

Calatafimi Segesta, 23 settembre 2015 – Venerdì 25 settembre alle ore 10.00 presso il Convento di San Francesco a Calatafimi/Segesta si apre il Forum Mediterraneo “Innovazione tecnologica come strumento per lo sviluppo turistico e culturale” organizzato dai partner del Progetto Hologramme. L’evento è dedicato alla promozione e valorizzazione del patrimonio archeologico mediterraneo, attraverso l’applicazione delle nuove tecnologie.

Al Forum partecipano le istituzioni regionali, enti, associazioni ed imprese che operano sul territorio.

La sessione mattutina vede i partner del Progetto Hologramme, Comune di Calatafimi Segesta, Comune di Salemi, Associazione CICI e Associazione Sabah, impegnati nella presentazione del pacchetto di soluzioni ICT realizzato nel corso delle attività. Si tratta di applicazioni multimediali rendering e percorsi 3D sviluppati per i siti archeologici di Salemi, Segesta e Cartagine, e di un portale di promozione turistica che mette insieme domanda ed offerta, ovvero chi compra e chi vende nel settore turismo nelle zone di interesse progettuale. Segue l’apertura dei tavoli tematici con gli enti, le associazioni e gli operatori economici intervenuti. L’obiettivo del Forum è quello di aprire un dibattito ed un confronto tra soggetti diversi sul tema dello sviluppo turistico e culturale nella nostra regione. La proposta è quella di creare un Distretto Culturale Evoluto tra le due rive del Mediterraneo che raduni, sotto un obiettivo comune, gli “attori” del turismo. Punto di partenza è il progetto Hologramme che ha creato strumenti e modelli innovativi da mettere al servizio delle realtà locali, ovvero a disposizione di chi lavora nel turismo ma anche di chi usufruisce dei servizi ad esso connessi. È l’innovazione tecnologica una chiave possibile per la crescita del settore turismo, che porta come conseguenza una filiera turistica differenziata in termini di mercati, segmenti e tematismi. Queste sfide vanno necessariamente trasformate in opportunità concrete, proponendo soluzioni differenziate da sperimentare sul territorio, anche nella prospettiva di creare nuove opportunità di impiego.

Intorno a questi temi il Forum si apre con il contributo delle istituzioni e la presenza di: Antonino Purpura, Assessore Beni Culturali e Identità siciliana, Antonella Milazzo, Deputato della Regione Siciliana e Componente della Commissione Cultura, Formazione e Lavoro, Vincenzo Petruso, Regione Siciliana, Programma ENPI Italia Tunisia. L’apertura dei tavoli tematici, organizzati nella seconda mattinata vedrà la partecipazione di: Giada Lupo, Presidente EBIT (Ente Bilaterale Regionale Industria Turistica Siciliana), Sergio Aguglia, Direttore del Parco Archeologico di Segesta, Liborio Furco, Presidente Gal Elimos, Cinzia Plaia, Presidente Albergatori Castellammare del Golfo, Fabio Bertolazzi, Presidente Confagricoltura Trapani, insieme alle aziende del territorio che hanno aderito al Forum. Il Progetto Hologramme, acronimo di Harmoniser les Opportunités Liées aux Nouvelles Orientations pour la Gestion des Ressources Archéologiques Mediterranéennes et la Mise en Réseau des Expérience, è nato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia Tunisia 2007/2013.  Tra le attività realizzate: una biblioteca intelligente, un archivio di film e cortometraggi sul patrimonio archeologico, formazione per giovani Manager siculo-tunisini, itinerari turistici tra Sicilia e Tunisia.

Il progetto, che si concluderà il prossimo dicembre, è coordinato dal Comune di Calatafimi Segesta, vede insieme una prestigiosa partnership italo-tunisina composta da: Comune di Salemi, Associazione CICI, Associazione Sabah, Associazione Tourath e l’AMVPPC, Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et Promotion Culturelle.