AMVPPC

partner1

L’Agenzia per lo Sviluppo e la Valorizzazione dei Beni Culturali (AMVPPC)

L’Agenzia è nata nel 1988 sotto il nome di Agenzia Nazionale per lo Sviluppo e valorizzazione del patrimonio archeologico e Storia (o ANEP), ai sensi della legge n ° 88 del 25 febbraio 1988, modificato dalla legge 97 – 16 del 3 marzo 1997. Questa è un Ente pubblico dotata di personalità giuridica e di autonomia finanziaria e soggetta al diritto commerciale, sotto il controllo del Ministero della Cultura e della Conservazione dei Beni. La missione dell’Agenzia è quella di eseguire la politica dello stato in vari settori culturali, compresa la valorizzazione del patrimonio archeologico e storico e la sua gestione, e promuovere la creatività intellettuale, letteraria e artistica. Gestisce programmi per la valorizzazione di questo patrimonio (sessanta siti, monumenti e musei), organizza eventi culturali con vari partner (tra cui l’Istituto Nazionale del Patrimonio), rilascia le necessarie autorizzazioni l’organizzazione di attività culturali, ricreative o commerciali che si svolgono negli spazi gravidanza sotto la sua tutela. L’Agenzia contribuisce anche allo sviluppo del turismo culturale, mentre si lavora per la promozione della produzione culturale nazionale, in tutte le sue forme e gli investimenti nel settore delle industrie culturali.

L’Agenzia è divisa in sette dipartimenti: tecnica, promozione culturale, Operations, Produzione e animazione, progettazione e programmazione, finanze e amministrazione, coordinamento e monitoraggio. Fin dalla sua nascita e in concomitanza con la gestione quotidiana dei siti che le sono stati assegnati, l’Agenzia ha intrapreso un percorso di miglioramento su larga scala per la promozione del turismo culturale che si basa su grandi progetti che rispondono obiettivi culturali, educativo, ambientale, sociale, economico e turistico. Così è stato con la creazione del Parco Archeologico di Cartagine-Sidi Bou Said, la pianificazione del palazzo del barone d’Erlanger a Sidi Bou Said, che ospita il Centro per la musica araba e mediterranea, il Parco Archeologico che vanta Dougga anche un programma di cooperazione tunisino-francese per sostenere lo sviluppo del sito, Sbeïtla-Kasserine Parco Archeologico che ha portato in questa regione centrale del paese un turista e dinamiche economiche che hanno avuto un effetto a catena su diversi settori di attività locali e il lavoro di progettazione e sviluppo di Uthina Parco Archeologico. Allo stesso modo, l’Agenzia opera per il restauro e lo sviluppo di numerosi siti e monumenti di aree urbane o suburbane. La sua azione più grande è il restauro e la valorizzazione di diverse sezioni degli acquedotti romani Zaghouan Cartagine.

Centrotavola di ereditata da patrimonio AMVPPC, parco museo ha visto le sue più antiche strutture riabilitati, come il famoso Museo del Bardo, quelli Enfidha, Nabeul e El Jem, così come i musei arti e tradizioni popolari di Monastir e Djerba Houmt Souk. La rete dei musei è stata arricchita con la creazione di nuove unità Moknine Chemtou, Mahdia e Douz. L’Agenzia ha inoltre partecipato alla creazione e gestione di musei per gli altri: il Museo Nazionale Militare (Ksar el Ouerda), il Museo della Linea Mareth, Museo della Guardia Nazionale, e il cinema.

Nuovi siti sono stati anche aperti al pubblico in quanto la creazione dell’Agenzia: Le antiche cave di El Haouaria, le Catacombe cristiane di Sousse, siti Phéradi Maius, Neapolis o Escargotière Gafsa. E ‘lo stesso per molti monumenti, tra cui la Cittadella di Hammamet, quelli Tabarka Kélibia, Ghazi Mustapha a Djerba Mahdia o l’Anfiteatro di El Jem, il Ribat e la Grande Moschea di Sousse e Ribat di Monastir. In questo ambito, l’Agenzia partecipa anche non sforzi feste private nella stessa direzione.

Sul terreno, l’Agenzia ha introdotto segnaletica per facilitare l’accesso e visitare siti e monumenti, strutture e paesaggistico casa.
Per mostrare ed evidenziare le caratteristiche architettoniche di un certo numero di monumenti, AMVPPC stabilito la loro illuminazione artistica di notte.

Altri componenti della azione intrapresa dal AMVPPC la promozione del turismo culturale nel quadro di un piano nazionale approvato nel maggio 1999 e coinvolge diversi partner, la promozione dei prodotti culturali, in particolare, la pubblicazione in tutto le sue forme, la partecipazione attiva alla celebrazione dei Beni mese e mostre tematiche in Tunisia e all’estero.

www.patrimoinedetunisie.com.tn